YESYEARS
1991

I MUSICANTI
Jon Anderson: voce
Peter Banks: chitarre
Bill Bruford: batteria
Geoffrey Downes: tastiere
Trevor Horn: voce
Steve Howe: chitarre e voce
Tony Kaye: tastiere
Patrick Moraz: tastiere
Trevor Rabin: chitarre e voce
Billy Sherwood: chitarre e voce
Chris Squire: basso e voce
Rick Wakeman: tastiere
Alan White: batteria

I've seen
All good people



YESYEARS
1991

DISCO 1
1. Something’s Coming 7:06
2. Survival 6:18
3. Every Little Thing 5:41
4. Then 4:18
5. Everydays 4:08
6. Sweet Dreams 3:49
7. No Opportunity Necessary, No Experience
    Needed 4:48
8. Time And A Word 4:31
9. Starship Trooper 9:26
10. Yours Is No Disgrace 9:40
11. I’ve Seen All Good People 6:53
12. Long Distance Runaround 3:33
13. The Fish (Schindleria Praematurus) 2:35

Take a straight
And stronger course



YESYEARS
1991

DISCO 2
1. Roundabout 8:31
2. Heart Of The Sunrise 10:31
3. America (single version) 4:03
4. Close To The Edge 18:34
5. Ritual 21:33
6. Sound Chaser 9:23

I'll be the roundabout
The world will make
you out and out



YESYEARS
1991

DISCO 3
1. Soon (single version) 4:06
2. Amazing Grace 2:31
3. Vevey, part 1 1:07
4. Wonderous Stories 3:45
5. Awaken 15:34
6. Montreaux’s Theme 2:26
7. Vevey, part 2 0:57
8. Going For The One 5:32
9. Money 3:12
10. Abilene 3:55
11. Don’t Kill The Whale 3:55
12. On The Silent Wings Of Freedom 7:45
13. Does It really Happen? 6:34
14. Tempus Fugit 5:14
15. Run With The Fox 4:09
16. I’m Down 2:31

High vibration go on



YESYEARS
1991

DISCO 4
1. Make It Easy 6:08
2. It Can Happen 6:01
3. Owner Of A Lonely Heart 4:27
4. Hold On 5:15
5. Shoot High Aim Low 7:00
6. Rhythm Of Love 4:46
7. Love Will Find A Way 4:49
8. Changes 7:34
9. And You And I 10:49
10. Heart Of The Sunrise 10:50
11. Love Conquers All 4:47

It can happen to you
It can happen to me
It can happen to everyone
Eventually




 

 

A mio modesto parere...

Il primo vero cofanetto antologico della band, con un eccellente libretto formato
album vinile. Costituito da 4 cd, i primi due scivolano via tranquilli non
essendoci cose particolarmente prelibate, eccezion fatta per la versione
"singolo" di America nel secondo cd.
Il cd più succulento è di sicuro il terzo.
Si parte con Soon versione singolo da The Gates Of Delirium, per passare
poi alla versione in studio di Amazing Grace il solo di basso di Chris
Squire nel periodo di Drama, qui registrato però nel 1976.
Le vere primizie arivano con gli outtakes di "Going For The One".
Si parte con Vevey, part 1 duetto tra Jon all'arpa e Rick all'organo a
canne della chiesa di Vevey. Siamo nel pieno delle sedute di Going For The One.
Il duetto è un estratto dell'improvvisazione che è anche testimoniata nei video
dell'epoca.
Si passa poi al Montreaux’s Theme,che sembra essere un tentativo di
sviluppo di quella che era la parte strumentale originaria di "Awaken"
nel breve brano intitolato "High Vibration" proposto alcune volte durante
il "Solo Tour". Si tratta di un breve brano strumentale, molto etereo, condotto
dalle chitarre di Howe, contrappuntato dal basso di Squire e da un sottile lavoro
di batteria di White.
Il successivo è Vevey, part 2, prosecuzione della precedente o altro
spezzone collegato alla precedente "Part 1", anche qui solo Jon e Rick.
Questo Money è un outtake da "Going For The One". Si tratta
di un allegro divertissment della band sul fatto (autobiografico?) che i soldi
vanno e vengono. Un rockettino senza grosse pretese, il tutto con in sottofondo
un inedito Rick Wakeman che "scimmiotta" un lettore di giornale radio della BBC.
Viene poi questo Abilene, retro del singolo "Don't Kill The Whale"
dal periodo di Tormato. Con dei rumori di sottofondo da film western, è una song
quasi da Yes primo periodo, ante "Yes Album".
Con questa Run With The Fox siamo nel periodo "cupo" tra "Drama" e
"90125". E' da attribuire ufficialmente ai soli Squire e White, anche perché
con questa denominazione è stata pubblicata come singolo... una tantum.
Si tratta di una composizione che probabilmente su Drama ci sarebbe proprio bene.
La cosa che colpisce è la potenza vocale di Squire che qui fa tutto lui. Anche
questo brano come tutto il suo primo disco solo "Fish Out Of Water" non è
presente di fatto la chitarra (a volte i bassisti sono proprio strani... hehehe)
Una cover dei Beatles, I’m Down, chiude il terzo disco. E' tratta dal
ben noto concerto del Roosevelt Stadium, Jersey City, New Jersey, del 17 giugno
1976, nella registrazione radiofonica della WYSP-FM Radio, Philadelphia. Tra
l'altro anche questo concerto è uno dei più piratati in assoluto. Detto tra noi
(e a bassa voce) una ben nota "marca" di bootleggari lo ha pubblicato questo
concerto con due titoli differenti, mescolando un po' la scaletta...
Si tratta di una cover comunque divertente e suonata con molta foga.

Il quarto cd si apre con questa Make It Easy, outtake dai demo dei Cinema,
il cui inizio viene poi utilizzato regolarmente per introdurre la versione live
di Owner Of A lonely Heart. Brano tipicamente rabiniano, grandi ritmi,
chitarroni tipici anni 80, e Trevor a far di tutto con le voci.
A seguire viene inserita la versione iniziale di It Can Happen,
che vede Chris Squire come voce solista. Come versione non è male e di fatto
la ritroviamo quasi integralmente nella "versione ufficiale" di 90125.
A conclusione del quarto cd ci vengono proposte tre selezioni live, tratte dagli
archivi della Westwood One Radio Production, che produce settimanalmente un radio
show di concerti rock live e proposto dalle radio in FM affiliate alla WW1.
Si tratta di Changes, And You And I e Heart Of The Sunrise
. Sono tratte dal tour di Big Generator, ed anche il libretto non ci aiuta molto
nel localizzare esattamente la serata di registrazione. Sono tre belle versioni
live, suonate molto bene.
Conclude la raccolta la seconda apparizione nell'universo Yes di Billy Sherwood,
componendo assieme a Squire questa Love Conquers All, anche questa
versione primigenia, che poi ritroveremo ufficialmente pubblicata sul recent
album del duo Squire/Sherwood "Conspiracy". Da notare che l'assolo di
tastiere è di Trevor Rabin.



...e cosa ne pensano al riguardo...



tra poco ci saranno?...





Torna all'inizio della pagina

Torna alla pagina della discografia

Torna alla pagina iniziale